Font Size

Menu Style

Cpanel

Autorizzazione ad alienare beni culturali

Autorizzazione ad alienare beni culturali di proprietà pubblica o di persone giuridiche private senza fine di lucro, ivi compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti e altre procedure di trasferimento di immobili pubblici.

I beni culturali immobili appartenenti al demanio culturale e gli altri beni culturali (diversi da quelli definiti inalienabili dall'articolo 54 del Codice), appartenenti allo Stato, alle regioni, agli altri enti pubblici territoriali o a soggetti pubblici diversi, non possono essere alienati senza l'autorizzazione del Ministero (articoli 55 e 56 del Codice).

È altresì soggetta ad autorizzazione da parte del Ministero l'alienazione di beni culturali appartenenti  a persone giuridiche private senza fine di lucro, ivi compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti (articolo 56).

L'autorizzazione ad alienare viene rilasciata solo per i beni per i quali sia già intervenuta la verifica dell'interesse culturale e sui quali insiste un provvedimento di tutela (cosiddetto vincolo)

È pertanto prioritariamente necessario procedere alla verifica dell'interesse culturale ai sensi dell'art. 12 del codice dei beni culturali.

Nel caso di verifica con esito negativo i beni saranno esclusi dall'applicazione delle disposizioni di tutela e potranno essere liberamente alienati, nel caso di verifica con esito positivo, ovvero accertamento dell'interesse culturale, i beni verranno dichiarati di interesse culturale e rimarranno soggetti ai disposti dettati dal codice dei beni culturali D.lgs 42/2004 e s.m. e i. In questo caso L'Ente proprietario, solo successivamente all’emanazione del provvedimento di tutela, potrà richiedere alla Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte l' autorizzazione ad alienare che dovrà essere corredata:

- dall'indicazione della proprietà: denominazione e codice fiscale;

- dalla indicazione della destinazione d'uso in atto;  

- dall'indicazione della destinazione d'uso prevista, anche in funzione degli obiettivi di valorizzazione da conseguire;

- dal programma delle misure necessarie ad assicurare la conservazione del bene;

- dall'indicazione degli obiettivi di valorizzazione che si intendono perseguire con l'alienazione del bene e delle modalità e dei tempi previsti per il loro conseguimento;

- dalle modalità di fruizione pubblica del bene, anche in rapporto con la situazione conseguente alle precedenti destinazioni d'uso.  

- nel caso di beni immobili la domanda dovrà anche necessariamente essere corredata dall'indicazione dei dati catastali degli immobili che l'Ente intende alienare fornendo sia i dati identificativi al catasto terreni sia i corrispondenti dati al catasto fabbricati allegando le mappe del catasto terreni e le corrispondenti planimetrie del catasto fabbricati dati dovranno essere precisi e aggiornati alla data della richiesta di autorizzazione ad alienare. In particolare qualora dopo l'emanazione del provvedimento di tutela fosse intervenuta qualche variazione catastale o frazionamento il richiedente è tenuto a fornire la documentazione necessaria ad attestare la corrispondenza tra le particelle oggetto di alienazione e quelle oggetto di tutela.

La Direzione Regionale provvederà al rilascio dell'autorizzazione, previo parere delle Soprintendenza di settore competenti, impartendo prescrizioni e definendo le condizioni dell'alienazione.

L'autorizzazione  non può essere rilasciata qualora la destinazione d'uso proposta sia suscettibile di arrecare pregiudizio alla conservazione e fruizione pubblica del bene o comunque risulti non compatibile con il carattere storico e artistico del bene medesimo.

E’ inoltre soggetta ad autorizzazione ogni dismissione o valorizzazione e utilizzazione, anche a fini economici, di beni immobili di proprietà pubblica di interesse culturale attuata, rispettivamente, mediante l'alienazione ovvero la concessione in uso o la locazione degli immobili medesimi.

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

SEGRETARIATO REGIONALE PER IL PIEMONTE
PALAZZO CHIABLESE - Piazza San Giovanni 2 - 10122 - Torino
Orario apertura al pubblico: 9,00 - 12,00 e 14,00 - 17,00 (chiusura uffici 18,30)
Ufficio Stampa: +39 011 5220409 - E-Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - P.E.C. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. (ricezione solo da P.E.C.)

privacy

Sei qui: Home Segretariato regionale Attività Autorizzazione ad alienare beni culturali